Viaggiare sotto casa: bellezza a chilometro zero

La Pieve di S. Cassiano in Decimo a Campiano

A pochi chilometri da Ravenna, nella località di Campiano, si erge la Pieve di S. Cassiano in Decimo. Posta lungo l’antica via Petrosa, riporta nel nome la distanza, di dieci miglia, dal punto da cui aveva principio l’antico percorso viario, ovvero Forlimpopoli.
Il culto di S. Cassiano, che secondo la tradizione agiografica morì martire nel III sec., fu particolarmente sentito nella nostra area, tanto che a Ravenna venne ritratto nei mosaici bizantini della Basilica di S. Apollinare Nuovo.

Le prime testimonianze della pieve risalgono al IX secolo. Nel X invece venne innalzato il campanile, poi denominato “la Bartolla” dal frammento di statua murato nella sua struttura. Di rilievo anche gli inserti in ceramica, che lo decorano, e gli interessanti reperti custoditi all’interno della chiesa, fra cui un miliario cilindrico usato come supporto del leggio.
L’identità di questa pieve, che ha subito una serie di rimaneggiamenti nel corso del tempo, è definita da oggetti di epoche diverse. La quiete, che l’avvolge, invita a seguirne il filo senza fretta.

 

Vedi l’articolo su ravennafestival.org

Due pievi nel territorio ravennate

La Pieve di S. Pietro in Sylvis a Bagnacallo

Nella località di Bagnacavallo, lungo uno dei percorsi che riserva il territorio della Bassa Romagna, sorge la Pieve di S. Pietro in Sylvis, una delle più importanti nell’ambito ravennate.

Le prime attestazioni documentarie risalgono al IX sec., e la sua datazione precisa è ancora discussa. Essa venne edificata presumibilmente nei pressi di un antico tempio pagano, e riferisce nella denominazione in Sylvis, ovvero nel bosco, la qualità dell’area ove sorse. La chiesa, orientata con l’abside a levante, come d’uso nella prima cristianità, rivela nelle sue forme la dipendenza dalle basiliche ravennati. Le tre navate, che ne scandiscono lo spazio, sono definite da pilastri in muratura, che ancora presentano tracce degli affreschi che li adornavano. L’abside, invece, ne conserva brani rilevanti nelle decorazioni di matrice giottesca, attribuiti alla scuola pittorica riminese del Trecento. Di particolare suggestione poi sono la cripta e gli arredi marmorei che custodisce.

Le memorie, che danno sostanza a questo luogo e ne definiscono la storia, fanno della chiesa di S. Pietro in Sylvis la “Regina delle pievi di Romagna”, come ebbe a definirla Mons. Mario Mazzotti, uno dei più importanti studiosi ravennati.

 

Vedi l’articolo su ravennafestival.org

Contattami per organizzare la tua visita a Ravenna.